Per twittare questa notizia, copia e incolla http://mstr.cd/2yqNoYi su Twitter con hashtag #GDCI17

 

Milano – 26 settembre, 2017 – Il Global Destination Cities Index di Mastercard, con oltre dieci anni di esperienza nell’analisi dei viaggi internazionali e della spesa dei consumatori, conferma ancora una volta Bangkok al primo posto come destinazione per arrivo visitatori internazionali.

 

L’indice è molto di più di una classifica delle 132 città più visitate al mondo. Basandosi sul volume dei visitatori e sulla spesa registrati nel 2016, fornisce una visione della crescita nel 2017, con interessanti informazioni sulle destinazioni che sono crescite più velocemente e dettagli e curiosità sul perché le persone viaggiano e su come spendono durante i loro viaggi, a livello globale.

 

La classifica 2017

 

Secondo lo studio condotto da Mastercard, nel 2016 si è registrato un aumento generale del numero di arrivi di visitatori internazionali con pernottamento nelle 10 destinazioni già presenti in classifica lo scorso anno. Per il 2017 si prevede che questo trend continui, ad eccezione fatta per New York, che ha registrato un calo del 2.4% dei visitatori; Tokyo, invece, è la città dove si prevede il tasso più alto di crescita nel 2017 (+12.2%).

Bangkok rimane stabile al primo posto, con 19,41 milioni di visitatori nel 2016, seguita subito da Londra (19,06 milioni di visitatori). Parigi e Dubai si confermano rispettivamente al terzo e quarto posto, con 15,45 milioni di visitatori registrati nella capitale francese e 14,87 per la città araba.

Il numero di visitatori registrati nel 2016 nelle altre città della top ten:

  • Singapore – 13,11 milioni di visitatori
  • New York – 12,70 milioni di visitatori
  • Seoul – 12,39 milioni di visitatori
  • Kuala Lumpur – 11,28milioni di visitatori
  • Tokyo – 11,15 milioni di visitatori
  • Istanbul – 9,16 milioni di visitatori

 

Il potere di spesa: le città come motore per la crescita dell’economia

 

Globalmente, il PIL reale è cresciuto del 21,8% dal 2009, mentre, nello stesso periodo, la spesa per i visitatori internazionali è aumentata del 41,1%. Dal 2009, più della metà delle città presenti nella top ten ha registrato un aumento di spesa pari o maggiore rispetto alla crescita del PIL e queste città costituiscono il motore trainante per la crescita dei rispettivi paesi.

Dubai sale al primo posto, con una spesa di 28,50 miliardi di dollari, superando di gran lunga Parigi (12,03 miliardi di dollari) e la prima classificata, Bangkok, la cui spesa è 14,08 miliardi di dollari.

Tra le prime dieci, Barcellona, risulta essere la città con la spesa minore registrando solo 8,90 miliardi di dollari.

 

Le destinazioni del futuro

 

La crescita del numero di visitatori con pernottamento nelle 132 città prese in esame, dal 2009 ha superato del 55,2% il PIL. Analizzando e mettendo a confronto la top ten globale e la top ten delle destinazioni con la crescita più veloce, si delinea chiaramente come, ancora una volta, le destinazioni dell’area Asia-Pacifico e del Medio Oriente, siano le destinazioni del futuro.

Osak, Chengdu, Abu Dhabi e Jakarta, si classificano infatti ai primi posti, con una crescita, dal 2009 al 2016, rispettivamente del 24%, 23%, 19% e 18%.

 

I trend: motivi del viaggio e spesa in loco
Lo studio 2017 dimostra che la maggior parte delle città presenti nella top 20 destinazioni sono state visitate per piacere, ad eccezione di Shanghai, dove quasi la metà dei viaggiatori (48,4%) si reca per lavoro. Al contrario, Kuala Lumpur registra la più alta percentuale di visitatori che vi si recano per trascorrere le proprie vacanze (92%).

 

L’Indice ha identificato categorie di spesa che illustrano come le persone spendono quando visitano le città della top 20:

  • La ristorazione costituisce la maggior percentuale di spesa del visitatore a Seoul (47,0%), Istanbul (33,6%) e Praga (29,3%)
  • A Londra (46,7%), Osaka (43,4%) e Tokyo (43,1%) i visitatori spendo soprattutto per lo shopping
  • Le spese per il pernottamento risultano essere la parte più costosa del viaggio quando si visitano Parigi (44,8%), Milano (40,4%) e Roma (40,4%)
  • Grazie alla rete di trasporti estremamente efficiente, gli spostamenti sono meno costosi a Londra (4,3%), a Singapore (4,6%) e a Hong Kong (4,6%)

 

 “Oggi sempre più persone visitano le città per viaggi di affari e di piacere, e si aspettano esperienze uniche e personalizzate durante i loro viaggi”, ha dichiarato Carlos Menendez, President of Enterprise Partnerships di Mastercard. “E’ quindi chiaro che si debba agire. Le città che riescono a soddisfare queste aspettative, sono quelle più avvantaggiate nella strada per diventare una vera e propria meta internazionalee per beneficiare dei vantaggi derivanti da un più elevato numero di visitatori e dalla loro maggiore spesa”.

 

Sia che si visiti una città per lavoro, sia che la si scelga per un viaggio di piacere, Mastercard è costantemente al lavoro per migliorare l’esperienza di viaggio grazie a:

 

Il Global Destination Cities Index di Mastercard

Nell’indice, le città di destinazione vengono classificate in base al numero di arrivi totali di visitatori internazionali con pernottamento e alla loro spesa nel 2016, fornendo inoltre previsioni di crescita dei visitatori e dei passeggeri per il 2017.

 

Per determinare gli arrivi di visitatori internazionali con pernottamento e la loro spesa in ciascuna delle 132 città vengono utilizzati dati pubblici.

 

L’indice e i rapporti correlati non si basano sui volumi o sui dati delle transazioni di Mastercard.

 

-FINE-

 

Mastercard:
Mastercard (NYSE: MA), www.mastercard.com, è un’azienda che opera nel settore delle tecnologie per i pagamenti internazionali. Gestisce la più rapida rete di elaborazione di pagamenti al mondo, collegando consumatori, istituti finanziari, commercianti, governi e aziende in oltre 210 paesi e territori. I prodotti e le soluzioni Mastercard rendono le attività commerciali di tutti i giorni – come per esempio fare shopping, viaggiare, dirigere un’impresa e gestire le finanze – più facili, più sicure e più efficienti per tutti. Seguici su Twitter @MastercardNews, @MastercardIT e partecipa alla discussione sul Cashless Conversations Blog e abbonati per ricevere le ultime news.

 

 

Contatti:
Mastercard
Silvia Brugnara, Tel. +39 06 49259 203, silvia.brugnara@mastercard.com

FleishmanHillard
Laura Meroni, Tel +39 02 31804 707, laura.meroni@fleishmaneurope.com
Edoardo Grandi, Tel + 39 02 31804 710, edoardo.grandi@fleishmaneurope.com
Ilaria Carfì, Tel +39 02 31804 709, ilaria.carfi@fleishmaneurope.com