I tifosi italiani amano festeggiare saltando e brindando, oltre il 77% dichiara che le prestazioni della loro squadra hanno un impatto sul loro umore.

Mastercard ha sviluppato Kit Beats, la prima fan experience al mondo a trasmettere la vera emozione degli spettatori

Milano, 30 maggio 2019 – Essere un tifoso di calcio sugli spalti è faticoso quanto essere un giocatore. È ciò che dichiara quasi un tifoso italiano su tre, affermando che tifare durante una partita è emotivamente pesante, tanto quanto giocarla.

Questo è quanto emerge da una delle più ampie ricerche mai sviluppate sulle emozioni dei tifosi europei, commissionata da Mastercard, lo sponsor principale della UEFA Champions League. Lo studio ha coinvolto oltre 14.000 persone in nove mercati differenti per celebrare la passione dei tifosi in vista della finale di quest’anno, che si svolgerà questo fine settimana.

La ricerca sulle emozioni dei tifosi ha rivelato che le urla e gli abbracci sono tra le manifestazioni più diffuse durante le partite di calcio in tutto il continente. Tra gli italiani dopo gli applausi (66%) e le urla di gioia (59%), i modi migliori per esultare al gol della propria squadra sono saltare (44%) o brindare con i compagni (47%). E in Europa il 44% degli intervistati in Germania ammette di urlare quando la propria squadra segna, mentre i francesi si lasciano andare ad un emozionante abbraccio (62%) con gli altri sostenitori vicini.

Ma quando la propria squadra subisce un goal, come reagiscono i tifosi? Il 43% degli italiani cade nel silenzio, il 40% non resiste ad un’imprecazione, mentre il 35% protesta per il gol incassato.

Oltre il 77% dei tifosi italiani dichiara che le prestazioni della loro squadra hanno un impatto sul loro umore. Come confermano anche in Europa gli appassionati di calcio svedesi (79%) e i tedeschi (82%). Tre fan su cinque intervistati in Turchia si rivolgono addirittura alla religione, recitando una preghiera silenziosa durante i momenti di tensione.

Insieme agli sbalzi d’umore, i tifosi avvertono un aumento della frequenza cardiaca quando l’atmosfera allo stadio diventa tesa; in particolare il 55% degli italiani, con il 45% delle tifose donne che addirittura trattiene il respiro per alcuni secondi. Mentre sono oltre 67% i supporter che spronano la propria squadra diventando quasi il 12° uomo in campo.

Per evidenziare ulteriormente il ruolo delle emozioni nel calcio, Mastercard ha sviluppato una nuova tecnologia che consente a una persona di sentire il battito cardiaco altrui in tempo reale. La tecnologia è incorporata nelle divise e potrebbe consentire ai tifosi allo stadio (o, in futuro, a quelli da casa) di sentire l’emozione e il battito cardiaco dei giocatori in tempo reale mentre giocano.

Testata durante la semifinale di UEFA Champions League all’inizio di questo mese, la tecnologia ha unito le divise dei Player Mascot di Mastercard in campo a quelle dei loro genitori sugli spalti. L’esperienza dei Player Mascot, offre ai bambini l’opportunità di entrare in campo con i propri eroi calcistici prima dell’inizio di una partita, e questa nuova tecnologia ha permesso alle famiglie di quei fortunati bambini di condividere un’esperienza davvero priceless.

La nuova tecnologia Kit Beats, creata nell’ambito di una partnership tra Mastercard e The Lion Company, è stata implementata a partire da maggio 2018. In Spagna è stata presentata per la prima volta durante la semifinale di UEFA Champions League, a inizio maggio. La tecnologia funziona attraverso due dispositivi intelligenti, collegati da un trasmettitore, che inviano e ricevono segnali immediati inviati dal cuore di un utente a un altro**.

Luca Fiumarella, Head of Marketing Italy, Mastercard ha commentato “Attraverso la nostra ricerca, volevamo scoprire le vere emozioni degli appassionati di calcio, per mostrare a tutti come la passione che provano durante una partita, mentre si connettono con la propria squadra e i loro compagni di tifo, è autentica. Per la finale di Madrid, speriamo che tutti, attraverso le proprie emozioni, possano vivere un’esperienza priceless.”

Lo psicologo dello sport ingaggiato, Bradley Busch, afferma: “Il calcio è uno sport incredibilmente speciale e unico, principalmente a causa dello stretto legame che unisce i tifosi alla propria squadra. Per molti, è davvero più di un semplice gioco. Il turbinio di emozioni che i tifosi provano può essere incredibilmente intenso ed in grado di farli sentire legati l’uno con l’altro e con la propria squadra.”

Il lavoro di squadra dà vita al sogno. Più di tre quarti degli intervistati concordano nel sostenere come i tifosi facciano parte della squadra che supportano tanto quanto i giocatori (quasi per il 70% degli italiani).

Quasi un tifoso su due arriva ad annullare un appuntamento, mancare al compleanno di una persona cara o mentire al proprio partner (10%) per assistere ad una partita (16%).

Il 39% dei fan in tutta Europa, assimilano i propri compagni di tifo alla propria famiglia – il 68% in Italia. Questa “finzione” permette di rendere ancora più intensi i sentimenti di solidarietà, condivisione e dello stare insieme durante le partite.

 

Per scoprire il video dei “Kit Beats” in azione: https://www.youtube.com/watch?v=2SMVre_XNNg

 

 

–  FINE –

Note per i redattori:

* Statistiche da un sondaggio europeo su un campione di 14.838 persone in 9 paesi

 

** Informazioni sulla tecnologia ‘Kit Beats’

Il dispositivo, posizionato sotto lo sterno del bambino rileva la frequenza cardiaca del bambino, contiene a sua volta un trasmettitore che invia un segnale a un altro dispositivo posto sulla schiena del bambino. Questo dispositivo emette un segnale con il numero di battiti attraverso una frequenza radio, il 433Mhz, che raggiunge i ripetitori e viene inoltrato per creare un circuito chiuso. Una volta raggiunto il ricevitore che i genitori indossano sul petto, un dispositivo associato a quello di ciascun bambino, legge i dati ricevuti e, accendendo e spegnendo un motore, riproduce i battiti sul petto del genitore. Allo stesso tempo, e per renderlo più visivo, un dispositivo luminoso scandisce attraverso la luce questo ritmo cardiaco.

Mastercard:

Mastercard (NYSE: MA), www.mastercard.com, è un’azienda che opera nel settore delle tecnologie per i pagamenti internazionali. Gestisce la più rapida rete di elaborazione di pagamenti al mondo, collegando consumatori, istituti finanziari, commercianti, governi e aziende in oltre 210 paesi e territori. I prodotti e le soluzioni Mastercard rendono le attività commerciali di tutti i giorni – come per esempio fare shopping, viaggiare, dirigere un’impresa e gestire le finanze – più facili, più sicure e più efficienti per tutti. Seguici su Twitter @MastercardNews, @MastercardIT e partecipa alla discussione sul Cashless Conversations Blog e abbonati per ricevere le ultime news.

Informazioni su The Lion Company

The Lion è uno spazio in cui creatività, programmazione e elettronica lavorano insieme per trovare nuovi modi di comunicare con i consumatori. Ciò è possibile solo grazie ad alcuni dei migliori esperti di programmazione frontale, programmazione back-end, progettazione grafica, design industriale, ingegneria elettronica e produzione di creatività sonora. Si tratta diuna squadra multidisciplinare che lavora fianco a fianco per realizzare nuove idee e progetti unici. Un circuito a tre corsie dove vengono realizzate cose straordinarie.

A proposito di Bradley Busch

Bradley Busch guida il team di ricerca. È uno psicologo registrato HCPC e ha numerosi anni di esperienza nella progettazione e gestione di workshop nelle scuole. Al di fuori dell’istruzione, lavora con atleti d’elite, aiutandoli a sviluppare la loro mentality ed a performare sotto pressione. Per questo ha lavorato anche con i calciatori della Premiership e membri del Team GB a Londra 2012.

 

Contatti:
Mastercard
Giuliana Abbate, Giuliana.Abbate@mastercard.com

FleishmanHillard
Laura Meroni, Tel +39 02 31804 707, laura.meroni@omnicomprgroup.com
Edoardo Grandi, Tel + 39 02 31804 710, edoardo.grandi@omnicomprgroup.com
Sara Festini, sara.festini@omnicomprgroup.com

Ludovica Marchese, ludovica.marchese@omnicomprgroup.com