Il calcio ha un impatto economico e sociale straordinariamente positivo, tale da migliorare le infrastrutture e favorire l’innovazione. Entro i prossimi 50 anni, gli stadi di nuova generazione saranno il centro nevralgico delle città

Gli attuali stadi europei iniettano 585 milioni di euro nelle economie locali

Le finali della UEFA Champions League assicurano ingenti benefici economici alle città partecipanti, fino al raddoppiamento del numero di transazioni giornaliere nei giorni degli eventi calcistici

 

 Per twittare questa notizia, copia e incolla https://mstr.cd/2IPSpmr su Twitter con hashtag #SmartCities

Milano, 30 aprile 2019 – Alcune recenti indagini rivelano che gli stadi europei hanno già portato una serie di benefici tangibili nelle città ospitanti grazie agli investimenti che danno un significativo impulso all’economia locale. In media, gli attuali stadi europei iniettano 585 milioni di euro nelle comunità limitrofe, incentivando la realizzazione di migliori infrastrutture e l’aumento dell’occupazione.

Con l’obiettivo di comprendere in che modo il calcio contribuisce a trasformare le città in smart cities, Mastercard presenta una ricerca realizzata con il supporto di Paul Fletcher, Cofondatore di University Campus of Football Business (UCFB), che prende in esame decine di nuovi e futuri stadi nelle città partecipanti alla UEFA Champions League, intervistando 2,000 cittadini europei* che vivono nei pressi di uno stadio.

Dalla ricerca emerge la previsione per cui, entro il 2060, assisteremo alla proliferazione di smart cities, con oltre 200.000 abitanti e che sorgono nelle vicinanze dei super stadi europei, alimentate dalla forte influenza del calcio sulla società. Con un investimento di oltre 800 milioni di euro, gli stadi di nuova generazione saranno il centro nevralgico di queste città, in grado di guidare la realizzazione di infrastrutture a supporto di trasporti, scuole, ospedali e negozi. Inoltre, si prevede che questi nuovi stadi si doteranno di un servizio di vigilanza privata.

Mastercard_Infographic-1[1]

La ricerca Mastercard si basa sui dati di spesa delle città che hanno ospitato le finali della UEFA Champions League nell’ultimo decennio. Salta subito all’occhio che, in questo periodo, il numero di transazioni giornaliere a Londra, Milano e Kiev è raddoppiato rispetto all’anno precedente. Pertanto, il team di Fletcher ritiene che la crescita della città e il successo delle squadre calcistiche siano intrinsecamente connessi.

Secondo i risultati della ricerca, in meno di cinquant’anni vedrà la luce la prima città calcistica all’interno di un’area sottosviluppata a 80 minuti di auto dal secondo o terzo aeroporto di una nazione europea, privilegiando quelle zone che vantano ampi spazi aperti e la neutralità della squadra locale. Questi stadi di nuova generazione si presenteranno come un centro polifunzionale che potrebbe includere al suo interno hotel, campus universitari, alloggi per studenti, centri medici privati, locali d’intrattenimento ed un palazzetto dello sport con pallacanestro, tennis e pugilato. Infine, non si esclude possa ospitare persino un centro per l’E-sport o trasformarsi in una sede per esposizioni e conferenze. Tutto ciò sarà finanziato da investitori ricchi di liquidità e, poiché la richiesta di possedere una squadra supererà ben presto l’offerta, si presenteranno sicuramente opportunità per ricchi magnati che supporteranno nuovi club o risolleveranno le sorti di club decaduti.

Sebbene gli interventi nelle aree degli stadi, siano spesso e volentieri al centro di discussioni, ci si aspetta che le città del calcio saranno ben accolte dalla comunità locale. Tra le più recenti storie di successo, infatti, i ricercatori menzionano la City Football Academy (CFA) del Manchester City e l’Emirates Stadium dell’Arsenal che, rispettivamente, hanno donato rispettivamente 6.000 e 3.000 nuove abitazioni alle due città (di cui il 40% degli alloggi londinesi è stato venduto a prezzi accessibili).

Si deve poi considerare che il mercato immobiliare si è rivelato sempre più ostile tra il 2018 e il 2019, tanto che oltre il 50% degli intervistati ha dichiarato di non potersi permettere di acquistare una proprietà senza iniziative locali – tra cui anche la costruzione di nuovi stadi – volte al sostegno abitativo.

Grazie alla sponsorizzazione della UEFA Champions League, in Mastercard la passione per il calcio è cresciuta di anno in anno ogni oltre limite ed abbiamo visto con i nostri stessi occhi quanto questo sport lasci un’eredità positiva che spinge la comunità verso la trasformazione smart delle città italiane”, afferma Luca Fiumarella, Head of Marketing Italy, Mastercard. “Se ai tifosi può sembrare che la loro vita ruoti intorno alla loro squadra preferita, proviamo anche solo ad immaginare il grado di coinvolgimento sociale che si otterrebbe costruendo intere città intorno ad uno stadio, con tutti i valori che questo fantastico sport porta con sé”.

In sintesi, la ricerca indaga le modalità con le quali il calcio alimenta la trasformazione in chiave smart di intere città e comunità, rivelando che lo sport è lo strumento di coesione sociale più efficace in assoluto. Il 17% degli intervistati (quasi 1 su 5) concorda sul fatto di provare un più forte senso di appartenenza al proprio quartiere grazie al calcio. Infine, più di 1 su 5 (precisamente il 21%) ritiene che il calcio sia l’argomento principale per animare le discussioni delle serate in compagnia dei propri amici.

Con alle spalle una carriera di sedici anni come calciatore professionista, Paul Fletcher MBE è oggi tra i maggiori esperti sugli Stadi in Europa. Oltre ad aver ricoperto la carica di Amministratore Delegato del Reebok Stadium Bolton e del Mc Alpine Stadium Huddersfield, in passato è stato anche Direttore Commerciale del Wembley Stadium.

Fletcher, che è anche Cofondatore di University Campus of Football Business, afferma: “Il calcio è da sempre amatissimo, oltre ad essere parte integrante della vita di milioni di persone. Il dato più interessante che emerge dalla nostra ricerca è l’impatto sociale di questo sport, in grado di favorire la crescita e la coesione delle comunità locali. Per questo motivo, il calcio deve avere un ruolo sempre più centrale nello sviluppo delle città del futuro.”

###

 

Note per gli editori

*Ricerca commissionata da Mastercard su 2,000 intervistati

Il nome che Paul Fletcher ha dato alla nuova città è “Assoc” – un chiaro riferimento al nome della federazione calcistica, Association Football (a differenza del Rugby Football).

University Campus of Football Business
L’UCFB è l’istituzione accademica leader nel campo dell’istruzione superiore per gli operatori del “Sistema Calcio” e che offre percorsi universitari all’interno di campus d’eccezione incentrati sulle strutture del Wembley Stadium e dell’Etihad Stadium. UCFB ha sviluppato diversi percorsi di studi di altissimo livello per sviluppare il livello di professionalità di tutti coloro che lavorano all’interno dell’industria calcistica, assicurando così grandi opportunità di carriera, o che ambiscono a perseguire la propria ambizione di lavorare nel settore globale di questo mercato multimiliardario.

Mastercard
Mastercard (NYSE: MA), www.mastercard.com, è un’azienda che opera nel settore delle tecnologie per i pagamenti internazionali. Gestisce la più rapida rete di elaborazione di pagamenti al mondo, collegando consumatori, istituti finanziari, commercianti, governi e aziende in oltre 210 paesi e territori. I prodotti e le soluzioni Mastercard rendono le attività commerciali di tutti i giorni – come per esempio fare shopping, viaggiare, dirigere un’impresa e gestire le finanze – più facili, più sicure e più efficienti per tutti. Seguici su Twitter @MastercardNews, @MastercardIT e partecipa alla discussione sul Cashless Conversations Blog e abbonati per ricevere le ultime news.

Contatti:
Mastercard
Giuliana Abbate, Giuliana.Abbate@mastercard.com

FleishmanHillard
Laura Meroni, Tel +39 02 31804 707, laura.meroni@omnicomprgroup.com
Edoardo Grandi, Tel + 39 02 31804 710, edoardo.grandi@omnicomprgroup.com
Stefano Schintu, stefano.schintu@omnicomprgroup.com

Ludovica Marchese, ludovica.marchese@omnicomprgroup.com